Mercoledì 22 Maggio 2019 Home 
Silverstone - WSBK anteprima [01-08-13 17:22 by staff GoNBike.com] 

Il Mondiale Superbike torna nel Regno Unito per il nono round

Roma, martedì 30 luglio 2013 – Il Campionato Mondiale eni FIM Superbike torna in pista per il nono round della stagione, in programma questo fine settimana a Silverstone, con il pensiero rivolto alla scomparsa di Andrea Antonelli nell’ultima giornata di gare a Mosca.

Come nel 2010, anno di rientro del circuito nel calendario iridato, la competizione utilizzerà il vecchio paddock, con rettilineo d'arrivo posto tra le curve "Woodcote" e "Copse". Dopo la difficile trasferta moscovita, caratterizzata dai problemi tecnici occorsi nella Tissot-Superpole ed al quarto giro dell'unica gara disputata, Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), fresco di rinnovo con il costruttore di Akashi per il 2014, si ritrova secondo in classifica a quattro punti di distanza dal leader Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team). Il francese, autore di una gara fantastica, corsa sul dolore derivante dalla clavicola lussata in allenamento, ha tenuto alta la bandiera del team ufficiale di Noale, dopo l'uscita di scena del compagno di squadra Eugene Laverty, scivolato nel corso del sedicesimo giro.

Guintoli è l'ultimo vincitore in ordine di tempo a Silverstone, dopo un'ottima performance su pista bagnata in gara 2 lo scorso anno, aiutato dal connazionale Loris Baz, scivolato proprio mentre era in testa, poco prima che la corsa venisse sospesa. Il giovane francese del Kawasaki Racing Team aveva ottenuto in gara 1 il suo primo successo in WSBK, precedendo sul traguardo Michel Fabrizio (Red Devils Roma Aprilia) ed Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare), allora compagni di squadra, su BMW.

Reduce dalla tredicesima vittoria in carriera WSBK, ottenuta al Moscow Raceway, Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet) ha portato il suo distacco dal vertice della classifica da 53 a 32 punti, rinvigorendo così le sue speranze di Titolo Mondiale. Il pilota italiano – così come il compagno Chaz Davies – dovrà mantenere alta la concentrazione, dopo il recente annuncio di BMW riguardante i futuri piani dell'azienda nella competizione.

Nonostante la sfortunata uscita di scena del suo team alla 8 Ore, causata dalla caduta del compagno di squadra Ryuichi Kiyonari, Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) ha dimostrato tutto il suo valore a Suzuka (dove aveva vinto lo scorso anno) ed ora punta a tornare sul podio del Mondiale Superbike, sulla pista che lo vide due volte secondo in gara nel 2010 (dietro a Cal Crutchlow). Leon Haslam, uscito invece vincitore dalla gara giapponese di durata, proverà a risollevare le sorti di una stagione finora molto difficile.

Ancora alla ricerca del primo podio stagionale, Carlos Checa (Team Ducati Alstare) fu autore nel 2011 a Silverstone di una doppietta, che mise una seria ipoteca sul Titolo Mondiale matematicamente conquistato al penultimo round. Leon Camier e Jules Cluzel sperano di ottenere il primo piazzamento nella top-3 in stagione proprio nel round di casa del Team FIXI Crescent Suzuki.

Classifica provvisoria (dopo 8 di 15 round)*: 1. Guintoli 239; 2. Sykes 235; 3. Melandri 207; 4. Laverty 190; 5. Davies 174; 6. Baz 144; 7. Rea 138; 8. Fabrizio 131; 9. Giugliano 99; 10. Camier 87; 11. Cluzel 83; 12. Badovini 75; 13. Neukirchner 69; 14. Checa 59; 15. Haslam 42; 16. Sandi 33; 17. Clementi 18; 18. Iannuzzo 15; 19. Canepa 11; 20. Lundh 10; 21. Lai 8; 22. Allerton 6; 23. Stauffer 4; 24. Akiyoshi 2; 25. Haga 2; 26. Aitchison 2. Costruttori: 1. Aprilia 300; 2. Kawasaki 267; 3. BMW 262; 4. Honda 151; 5. Suzuki 129; 6. Ducati 112.

*La classifica è da ritenersi provvisoria in quanto la Corte Disciplinare Internazionale sta valutando l'appello presentato da Aprilia Racing Team e Sylvain Guintoli a seguito della decisione presa dagli Steward della FIM (Monza, 12 maggio scorso, gara 2), circa l'annullamento della penalizzazione di una posizione imposta dalla Direzione Gara a Tom Sykes (da terzo a quarto classificato).


Mondiale Supersport

Vista la cancellazione della gara al Moscow Raceway, dopo il drammatico incidente in cui è venuto a mancare il pilota del Team GoEleven, Andrea Antonelli, i piloti del Mondiale Supersport si apprestano ad affrontare il nono round della stagione nella medesima situazione di classifica del dopo Imola.

Sam Lowes (Yakhnich Motorsport Yamaha) punta a difendere davanti al pubblico di casa il vantaggio di 34 punti che detiene sul primo inseguitore, Kenan Sofuoglu (Mahi Racing Team India Kawasaki). Il turco concluse lo scorso anno il round britannico con un quinto posto in gara a termine di un’esasperata rimonta, alla quale fu costretto dopo un'uscita di pista nelle fasi iniziali della corsa. L'attuale leader della classifica, invece, venne battuto di misura (157 millesimi) dall'allora compagno di squadra Jules Cluzel.

Il francese Fabien Foret (Mahi Racing Team India Kawasaki) è intenzionato a dire la sua in terra inglese – sperando in condizioni di asciutto – così come il fresco vincitore della 8 Ore di Suzuka Michael van der Mark (Pata Honda World Supersport), compagno di colori di Leon Haslam anche in Giappone. Lorenzo Zanetti, che di van der Mark è invece il compagno di squadra in Supersport, sarà regolarmente in pista, nonostante le conseguenze dell'incidente di Mosca che lo hanno segnato fisicamente (frattura ad un dito e un ginocchio dolorante) e mentalmente. Il bresciano è pronto a correre in nome dell'amico ed avversario di tante battaglie, Andrea Antonelli.

I rookie Jack Kennedy (Rivamoto Honda) e Christian Iddon (ParkinGo MV Agusta Corse) sono in cerca di riscatto su un tracciato che conoscono molto bene, visti i trascorsi nel British Supersport. David Salom tornerà invece ad affiancare Luca Scassa nel Team Intermoto Ponyexpres Kawasaki, dopo l'ennesima assenza nel round di Mosca, causa infortunio (lo spagnolo fino ad ora ha disputato soltanto due round).

Cambio di moto per il Team AARK Racing Team, che metterà a disposizione dell'australiano Mitchell Carr una Honda CBR600RR.

Classifica (dopo 8 di 14 round): 1. Lowes 140; 2. Sofuoglu 106; 3. Foret 85; 4. Vd Mark 73; 5. Zanetti 68; 6. Scassa 63; 7. Antonelli 55; 8. Kennedy 47; 9. Leonov 42; 10. Rolfo 40; 11. Marino 39; 12. Morais 36; 13. Russo 28; 14. Coghlan 22; 15. Ivanov 18. Costruttori: 1. Kawasaki 155; 2. Yamaha 148; 3. Honda 104; 4. MV Agusta 46; 5. Suzuki 19; 6. Triumph 6.


Superstock 1000

Dopo la vittoria di un mese fa ad Imola, Sylvain Barrier (BMW Motorrad GoldBet) è in testa alla classifica della Coppa FIM Superstock 1000 con 12 punti di vantaggio su Niccolò Canepa (Barni Racing Ducati), secondo al traguardo dopo l'uscita di scena del compagno di squadra Eddi La Marra, scivolato nel tentativo di tenere il passo del francese.

Il pilota di Ferentino punta a riscattarsi nelle due gare in programma a Silverstone questo fine settimana, forte del primo successo in carriera conquistato proprio sulla pista inglese lo scorso anno e della serie di vittorie nel CIV. Il passaggio a vuoto ha infatti avuto un impatto notevole sulla situazione di classifica di La Marra, ora quarto con 26 punti da recuperare dalla vetta. Situazione simile per Jeremy Guarnoni (MRS Kawasaki), chiamato a risultati importanti per mantenersi in lotta per il titolo.

Classifica (dopo 5 di 10 round): 1. Barrier 95; 2. Canepa 83; 3. Guarnoni 70; 4. La Marra 69; 5. Mercado 60; 6. Savadori 46; 7. Jezek 45; 8. Bussolotti 33; 9. Lanusse 32; 10. Lussiana 25; 11. Andreozzi 23; 12. Gildenhuys 16; 13. Massei 15; 14. Bergman 15; 15. McFadden 13; etc. Costruttori: 1. BMW 106; 2. Ducati 101; 3. Kawasaki 83; 4. Honda 17; 5. Suzuki 5.


Superstock 600

Nonostante i dieci punti di vantaggio su Franco Morbidelli (San Carlo Team Italia Kawasaki), Gauthier Duwelz (MTM-MVR Racing Yamaha) ha bisogno di tornare al successo per rallentare l'ascesa del pilota italiano. Il giovane belga è a secco di vittorie dal secondo round di Assen mentre Morbidelli, sebbene battuto di misura dal compagno di squadra Alessandro Nocco ad Imola, è riuscito a guadagnarsi ufficialmente lo status di sfidante per il titolo. Tony Covena (Nito Racing Kawasaki) e Bastien Chesaux (EAB Ten Kate Junior Honda), rispettivamente al terzo e quarto posto in classifica con diciannove e venti punti di ritardo dal leader, proveranno a scombinare le carte nelle due gare in programma questo fine settimana.

Classifica (dopo 5 di 10 round): 1. Duwelz 84; 2. Morbidelli 74; 3. Coveña 65; 4. Chesaux 64; 5. Nocco 50; 6. Gamarino 47; 7. Morrentino 44; 8. Salvadori 37; 9. Nestorovic 33; 10. Mulhauser 32; 11. Casalotti 25; 12. Tessels 19; 13. Vitali 19; 14. Tuuli 17; 15. Schmitter 17; 16. Tatasciore 16; 17. Marchal 14; 18. Mercandelli 9; 19. D'Annunzio 8; 20. Jones 7; 21. Mamola 5; 22. Nekvasil 5; 23. Vavrous 5; 24. Cecchini 2; 25. Spedale 1; 26. Basic 1.


European Junior Cup

Grazie al primo successo della stagione ottenuto nell'ultimo round disputato, il giovane francese Guillaume Raymond (Activebike) è balzato al vertice della Pata European Junior Cup, powered by Honda, caratterizzata da una situazione di classifica più compatta che mai prima del round britannico di Silverstone: l'ex leader Michael Canducci (Colors Experience) e Robin Anne (Anne Formation) seguono a soli due e tre punti di distacco, mentre il neozelandese Jake Lewis (Jake Lewis Racing) accusa un ritardo di sole 7 lunghezze da Raymond.

Classifica (dopo 4 di 8 round): 1. Raymond 48; 2. Canducci 46; 3. Anne 45; 4. Lewis 41; 5. Fernandez 36; 6. Sebestyen 35; 7. Pittet 29; 8. Fernandez 28; 9. Bendsneijder 25; 10. Flitcroft 25; 11. Levy 23; 12. Manfredi 23; 13. Rusmiputro 21; 14. Bodis 20; 15. Arenas 20; etc.


::Campionato Mondiale eni FIM Superbike - Comunicato Stampa::




Visualizza tutte le newsArchivio Cerca un termine nelle newsCerca Leggi le news più recentiPiù recenti   Versione stampabileStampa 
Notizia precedente
Silverstone - Le soluzioni Pirelli per l'Inghilterra
Notizia successiva
Silverstone - Team Ducati Alstare anteprima