Lunedì 21 Maggio 2018 Home 
Viviani centra il suo primo obiettivo [05-05-18 20:58 by staff GoNBike.com] 

VIVIANI CENTRA IL SUO PRIMO OBIETTIVO, DENNIS SI VESTE DI ROSA

Il pubblico israeliano risponde in massa al richiamo del Giro

Tel Aviv, 5 maggio 2018 – Elia Viviani (Quick-Step Floors), favorito alla vigilia della seconda tappa, ha vinto l'attesa volata a Tel Aviv su Jakub Mareczko (Wilier Triestina - Selle Italia) a completare la doppietta italiana. Rohan Dennis (BMC Racing Team) è ora in testa alla Classifica Generale vincendo l'unico traguardo volante con abbuoni e detronizzando Tom Dumoulin (Team Sunweb), diventando così il nono australiano ad indossare la Maglia Rosa ed il ventitreesimo ciclista in testa almeno per una tappa in tutti e tre i grandi giri in carriera.

LE PILLOLE STATISTICHE
* Rohan Dennis è il ventitreesimo ciclista a vestire la maglia di leader in tutti e tre i grandi giri, dopo Eddy Merckx (201 tappe o semi tappe al commando), Bernard Hinault (125), Jacques Anquetil (110), Miguel Indurain (93), Francesco Moser (71), Alberto Contador (66), Alex Zülle (64), Vincenzo Nibali (60), Felice Gimondi (46), Freddy Maertens (37), Laurent Jalabert (36), Dietrich Thurau (27), Bradley Wiggins (19), Rik van Looy (17), Cadel Evans (15), Rik van Steenbergen (11), Thierry Marie, Raphaël Geminiani, Fabio Aru (10), Bradley McGee (9), David Millar e Mark Cavendish (7).
* Rohan Dennis è il nono australiano a vestire la Maglia Rosa dopo Cadel Evans, Bradley McGee, Robbie McEwen, Brett Lancaster, Richie Porte, Michael Matthews, Simon Gerrans e Simon Clarke.
* Seconda vittoria al Giro per Elia Viviani dopo Genova 2015, anche allora la seconda tappa.
* Terzo podio (e terzo secondo posto) per Jakub Mareczko al Giro dopo i secondi posti ottenuti l’anno scorso a Messina e Reggio Emilia e quinto podio al Giro per Sam Bennett: quattro terzi posti (Messina, Alberobello, Reggio Emilia 2017; Tel Aviv 2018) ed un secondo posto (Tortona 2017).


RISULTATO FINALE
1 - Elia Viviani (Quick-Step Floors) - 167 km in 3h51’30”, media 43,314 km/h
2 - Jakub Mareczko (Wilier Triestina - Selle Italia) s.t.
3 - Sam Bennett (Bora - Hansgrohe) s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1 - Rohan Dennis (BMC Racing Team)
2 - Tom Dumoulin (Team Sunweb) a 1"
3 - Victor Campenaerts (Lotto Soudal) a 3"

MAGLIE
* Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Rohan Dennis (BMC Racing Team)
* Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Elia Viviani (Quick-Step Floors)
* Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Enrico Barbin (Bardiani CSF)
* Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Maximilian Schachmann (Quick-Step Floors)


CONFERENZA STAMPA
Il vincitore di tappa Viviani ha dichiarato: “Di solito vado forte in Medio Oriente, ma ero nervoso prima di venire al Giro. Domani ci sarà un'altra occasione per vincere una tappa ma sono già sollevato. È fantastico iniziare il Giro con il piede giusto. Correre per Quick Step in questa fase della mia carriera è stata un'opportunità da non perdere. C'è un gruppo di corridori che mi supportano al 100%. Il mio obiettivo qui è vincere tappe e il secondo obiettivo è la Maglia Ciclamino. Nell'incontro tecnico, abbiamo deciso di fare il primo sprint intermedio solo per salvare le gambe per il traguardo. Prima del secondo traguardo volante ho visto BMC tirare e Sunweb non era interessata a difendere la maglia. Ho seguito [Victor] Campenaerts e ho ottenuto alcuni punti facili, ma non volevo interferire nella lotta per la Maglia Rosa. Quando sono salito sul palco per la cerimonia di premiazione, sono rimasto stupito dal numero di persone che erano lì a tifare. Non è mai garantito che
una gara di bici abbia successo all'estero, ma la folla qui è stata fantastica finora”.

La Maglia Rosa Dennis ha dichiarato: “Ieri sarebbe stato grandioso vincere una tappa, ma non l'ho fatto. Oggi ho ottenuto tre secondi di bonus durante uno sprint intermedio. Non ero molto convinto, ma la squadra me lo ha suggerito e ha fatto un lavoro perfetto per mettermi nella condizione di vincere la volata. Le mie tre maglie di leader nei grandi giri sono arrivate in un modo diverso: ho indossato la gialla al Tour de France grazie ad una cronometro individuale, la rossa alla Vuelta a España grazie ad una cronometro a squadre e questo mi ha dato una sensazione agrodolce perché l'intera squadra ha vinto ed io ero l'unico in maglia. Ora la Maglia Rosa arriva in una volata su una strada a metà tappa il giorno dopo una cronometro. Ad un certo punto perderò questa maglia. La seconda e la terza settimana sono un po' troppo difficili per me”.

La Maglia Azzurra Barbin ha dichiarato: "Non ci avevo pensato ma mi hanno detto poco dopo l’arrivo che avevo battuto un corridore di casa. Sfortunatamente il ciclismo è questo. Non puntavo alla maglia degli scalatori ma la fuga era vicina e dalla macchina ci hanno detto che ci si poteva provare. L'ho fatto ed è andata bene".

LA TAPPA DI DOMANI
Tappa 3 – Be'er Sheva-Eilat 229 km - dislivello 1.000 m
Tappa leggermente ondulata interamente nel deserto del Negev. La strada sempre ampia e ben pavimentata attraversa lunghe distese di pietre con alcune asperità altimetriche in particolare nell’attraversamento del Ramon Crater dove in uscita da esso (breve salita), in località Faran River, è posto un GPM. Finale tutto in leggerissima discesa verso il Mar Rosso con attraversamento cittadino prima della linea di arrivo.

Ultimi km
Ultimi 6 km caratterizzati dal passaggio attraverso la strettoia di un check-point seguita da una sequenza di rotatorie. A 1,6 km dall’arrivo inversione di marcia attorno a rotatoria per poi percorrere l’ultimo km con l’ultima curva a 350 m dall’arrivo (pavimentazione in asfalto, larghezza 7,5 m.

#Giro101

::RCS Sport - Comunicato Stampa::




Visualizza tutte le newsArchivio Cerca un termine nelle newsCerca Leggi le news più recentiPiù recenti   Versione stampabileStampa 
Notizia precedente
Dumoulin prima maglia rosa
Notizia successiva
Viviani concede il bis in volata