Mercoledì 19 Giugno 2019 Home 
Tirreno-Adriatico 2019 - Il percorso [17-12-18 08:44 by staff GoNBike.com] 

TIRRENO-ADRIATICO 2019: TRA NOVITÀ E TRADIZIONE

Due cronometro ormai tradizionali (a squadre nella prima tappa a Lido di Camaiore e individuale nell’ultima a San Benedetto del Tronto), due tappe per velocisti e tre tappe mosse con muri e salite brevi caratterizzeranno questa 54^ edizione. Dislivello totale della corsa 9.000 m. La Matelica-Jesi sarà la tappa del vino con omaggio al Verdicchio, prodotto in questa zona delle Marche.

Recanati, 13 dicembre 2018 – Nell’Aula Magna del Comune di Recanati – città natale del poeta Giacomo Leopardi e che domenica 17 marzo ospiterà una delle tappe più spettacolari della Corsa dei Due Mari 2019 – è stata presentata la 54^ edizione della Tirreno-Adriatico NamedSport in programma dal 13 al 19 marzo 2019 e organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport.

Un percorso leggermente diverso da quelli degli ultimi anni che torna verso le Tirreno-Adriatico costellate di muri. I muri sono presenti lungo tutto il percorso con pendenze a volte anche oltre il 18%. Ci sono strappi impegnativi per arrivare a Fossombrone, con nel finale il Muro dei Cappuccini da ripetere due volte, Muri a Recanati (anche qui quello duro è a ridosso dell’arrivo), salite più lunghe a Pomarance già nella seconda tappa. La novità sarà la frazione dedicata al vino: la Matelica-Jesi sarà la Wine Stage con l’omaggio al Verdicchio, prodotto in territorio Marchigiano e famoso nel mondo. Rimarranno invariate rispetto agli ultimi anni le due cronometro, di apertura a squadre e di chiusura individuale, a Lido di Camaiore e San Benedetto del Tronto. Le tappe adatte ai velocisti saranno invece quelle che termineranno a Foligno e Jesi.

IL PERCORSO
Tappa n. 1 – Lido di Camaiore (cronometro a squadre) – 21,5 km
Cronometro a squadre composta da una due settori praticamente rettilinei che si corrono sulle due carreggiate della medesima strada (lungomare Lido di Camaiore-Forte dei Marmi) intervallati da un “giro di boa” dal percorso rettangolare attorno a un isolato.
Per il 5° anno consecutivo Lido di Camaiore sarà la sede di partenza della Tirreno-Adriatico NamedSport.

Tappa n. 2 – Camaiore-Pomarance – 189 km
Tappa che parte in salita con nei primi chilometri Montemagno e il Pitoro. Segue un lungo tratto pianeggiante fino all’ingresso nelle ondulazioni finali. Si attraversano Castellina Marittima, Riparbella, Montecatini Val di Cecina, Volterra, con le rispettive salite, fino allo strappo finale che porta a Pomarance. Tappa adatta a finisseur.
Per il 3° anno la seconda tappa porterà gli atleti da Camaiore a Pomarance: nel 2016 vinse Zdenek Stybar, nel 2017 Geraint Thomas.

Tappa n. 3 – Pomarance-Foligno – 224 km
Tappa molto lunga ondulata nella prima parte e quindi sempre più pianeggiante man mano che ci si avvicina all’arrivo. Si attraversa il Senese con continui saliscendi, tra cui il Passo del Rospatoio fino a entrare in Umbria nella piana del Trasimeno e arrivare, sfiorando Assisi e Spello, alla volata finale attorno alle mura di Foligno.
Per la 4^ volta Foligno sarà sede d’arrivo di tappa alla Corsa dei Due Mari.

Tappa n. 4 – Foligno-Fossombrone – 223 km
È la tappa più dura assieme a quella del giorno seguente. Partiti da Foligno si raggiunge l’Appennino Umbro-Marchigiano attraverso strade ondulate non particolarmente impegnative fino al passaggio nelle vicinanze di Fossombrone. Da lì inizia una sequenza di muri più o meno ripidi e impegnativi, su strade tipiche delle valli marchigiane con carreggiata ridotta fino al doppio circuito e relativo doppio passaggio finale sul Muro dei Cappuccini, affrontato a pochi chilometri (5,7 km) dal traguardo finale di Fossombrone.
Fossombrone sarà per la prima volta sede di tappa alla Tirreno-Adriatico NamedSport.

Tappa n. 5 – Colli al Metauro-Recanati – 178 km
È la tappa dei Muri di Recanati. Partenza da Colli al Metauro con un avvio in semi-circuito attraverso Saltara, Calcinelli e Lucrezia per portarsi a Recanati attraverso strade prevalentemente piatte. Giunti a Loreto iniziano le salite che in sequenza saranno 9, più o meno ripide con un circuito di 22,3 km da ripetere tre volte caratterizzato da due Muri di cui quello più vicino al traguardo con pendenze anche attorno al 18%.
Recanati sarà per la 2^ volta sede d’arrivo di tappa dopo la cronometro Macerata-Recanati del 2008 che vide la vittoria di Fabian Cancellara, vincitore poi di quell’edizione.

Tappa n. 6 – Matelica-Jesi – 195 km
Tappa per velocisti ma con la prima parte abbastanza mossa. Da Matelica di effettua un breve semi-circuito prima di puntare su Castelraimondo e San Severino Marche. Scalata del Valico di Pietra Rossa verso Cingoli e ondulazioni continue tra Apiro e Montecarotto. Da qui la strada diventa pianeggiante e porta a Jesi dove la corsa effettuerà tre giri di un circuito di 12,3 km.
Jesi è sede di tappa inedita per la Tirreno-Adriatico NamedSport.

Tappa n. 7 – San Benedetto del Tronto (cronometro individuale) – 10,1 km
Cronometro individuale su un percorso che ricalca quello degli ultimi anni. È il medesimo dal 2015 a oggi.
Arrivo tradizionale per la Tirreno-Adriatico NamedSport: San Benedetto del Tronto sarà la meta finale per la 53^ volta su 54 (solo la prima edizione, quella del 1966, non terminò a San Benedetto del Tronto: la tappa finale fu la San Benedetto del Tronto-Pescara).

STATISTICHE
Il primo polacco dopo il primo colombiano: nel 2018 Michal Kwiatkowski è diventato il primo polacco vincitore della Tirreno-Adriatico NamedSport. Succede a Nairo Quintana, primo vincitore colombiano (2015 e 2017).

Il tris da record: la BMC ha vinto le ultime tre edizioni della cronosquadre d’apertura della Tirreno-Adriatico NamedSport registrando le tre medie più elevate nella storia della corsa: 56,947 km/h nel 2016, 58,329 km/h nel 2017 e 57,777 km/h nel 2018.

Sagan per il record: Peter Sagan, che ha partecipato alla Tirreno-Adriatico dal 2012 in poi, è a quota 7 vittorie di tappa, ad un solo successo dagli 8 di Alessandro Petacchi, Moreno Argentin e Giuseppe Saronni; questo terzetto italiano occupa la terza posizione di tutti i tempi, dietro a Oscar Freire (11) e Roger De Vlaeminck (15).

12 nazioni: nelle ultime tre edizioni (2015-2018) sono ben 12 le nazioni ad aver conquistato almeno una tappa nella Corsa dei Due Mari, in una Tirreno sempre più internazionale.

DICHIARAZIONI
Moreno Pieroni, Assessore al Turismo-Cultura della Regione Marche, ha detto: “Ormai è diventata una tradizione che si rinnova quella che vede il sistema turistico della regione collaborare con l’organizzazione della Tirreno-Adriatico NamedSport per promuovere il nostro territorio. Una collaborazione collaudata che trova nella trasversalità il valore aggiunto di questa iniziativa: da una parte lo sport, il ciclismo, come rappresentazione dell’impegno e della tenacia per raggiungere traguardi, dall’altra la promozione a livello internazionale della bellezza delle Marche come terra della pluralità di emozioni. E quest’anno con un’emozione in più, quella relativa al gusto: si brinderà alle vittorie con il Verdicchio, il vino più premiato al mondo, come simbolo quindi anche di un distretto enologico che ha fatto dell’eccellenza e della qualità la sua cifra. Un viaggio particolare per le strade delle Marche che attraversano i tanti borghi storici o i lungomari, ….tappe anche quest’anno, diventano quasi il disegno di un ideale itinerario turistico, dalla montagna al mare da percorrere non solo in bici. Da tempo ci stiamo impegnando su una politica turistica sostenibile della quale il settore del bike ne è l’emblema. A questo “viaggiare lenti” come fonte di benessere fisico e dello spirito si aggiungono la nostra tradizione sportiva, il valore dei nostri talenti non solo sportivi ma anche, per esempio, dei rinomati chef stellati. La capacità creativa che ci distingue in moltissimi settori è quasi lo specchio della molteplicità dei paesaggi che si incontrano viaggiando nelle Marche. Infine l’augurio agli atleti della Tirreno-Adriatico NamedSport che è, invece, quello di non viaggiare “lenti” e di portare nel cuore questa terra come un bel ricordo duraturo”.

Francesco Fiordomo, Sindaco di Recanati, ha dichiarato: “È un grande onore per noi accogliere la Tirreno-Adriatico NamedSport nel 2019, a duecento anni dalla stesura dell'Infinito di Giacomo Leopardi. Anche lo sport, lo sport vero, quello ricco di valori, di sacrificio, di passione, di inventiva e di qualità, celebra il desiderio di gettare lo sguardo oltre la siepe…”.

Alessandro Del Dotto, Sindaco di Camaiore, città di partenza della corsa, ha aggiunto: “La Tirreno-Adriatico NamedSport è una vetrina internazionale impareggiabile per promuovere Camaiore e la Versilia e lo diciamo con risultati alla mano. Inoltre è diventato un appuntamento immancabile per i nostri cittadini e per i tanti appassionati che affollano il lungomare di Lido e il centro storico di Camaiore nei giorni di gara”.

Mauro Vegni, Direttore degli Eventi Ciclismo di RCS Sport, ha dichiarato: “Anche quest'anno abbiamo deciso di presentare il percorso della Tirreno-Adriatico NamedSport nelle Marche perché insieme a Toscana e Umbria sarà la Regione rappresentata con arrivi e partenze. Quest’anno, come capita al Giro d’Italia da qualche anno, abbiamo inserito la tappa dedicata al vino per raccontare le eccellenze italiane all’estero. La Tirreno-Adriatico è da sempre una delle corse più affascinanti del panorama internazionale. Basta scorrere l’albo d’oro di 53 edizioni per rendersene conto. Tutti i grandi campioni sono presenti. 193 Paesi collegati nei cinque continenti, oltre 250 media italiani e internazionali presenti all’evento, sono il segnale che questa corsa è in continua crescita e che poche gare al mondo possono vantare una partecipazione di questo livello sia dal punto di vista sportivo che da quello mediatico”.

Stefano Allocchio, Direttore di Corsa di RCS Sport, ha detto: “Il percorso è leggermente diverso rispetto quello proposto negli ultimi anni con le due cronometro iniziale e finale identiche, due tappe per velocisti e tre per finisseur senza l’arrivo in salita. Questo non vuol dire che la corsa sarà meno dura. Saranno infatti 9.000 i metri di dislivello che gli atleti dovranno affrontare visto che avranno da scalare tanti muri, soprattutto nelle tappe dell’entroterra marchigiano. Abbiamo deciso di tornare alla tradizione con una formula che darà comunque a tutti gli atleti la possibilità di esprimersi al meglio”.

::RCS Sport - Comunicato Stampa::




Visualizza tutte le newsArchivio Cerca un termine nelle newsCerca Leggi le news più recentiPiù recenti   Versione stampabileStampa 
Notizia precedente
Astana Pro Team presented roster
Notizia successiva
CCC Team Sets Sights on 2019 Season