Venerdì 07 Agosto 2020 Home 
Euregio crocevia nella ripartenza [31-07-20 13:54 by staff GoNBike.com] 

Euregio crocevia nella ripartenza del grande ciclismo


Sei World Teams hanno svolto nel territorio euro-regionale i ‘training camp’ post-COVID: Deceuninck-Quick-Step e il ‘gruppo Nibali’ della Trek-Segafredo al Passo San Pellegrino, Bahrain-McLaren sul Passo Pordoi, Tirolo austriaco per Bora-hansgrohe, Sunweb e Jumbo-Visma

La complessa situazione generata dall’emergenza epidemiologica ha costretto il GS Alto Garda a rinunciare al Tour of the Alps 2020, ma l’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino, cuore pulsante del progetto, si conferma terra eletta per il mondo delle due ruote. Non è un caso che sei compagini UCI World Tour abbiano individuato nel territorio euro-regionale la sede ideale dei ‘training camp’ post-COVID, per un richiamo di preparazione in vista dei grandi appuntamenti stagionali.


Vincenzo Nibali è ormai di casa a Passo San Pellegrino. In Val di Fassa, lo ‘Squalo’ ha costruito le sue più celebri imprese, e anche stavolta il Trentino ha rappresentato il centro dei suoi allenamenti in vista dei principali obiettivi stagionali, il Giro d’Italia e il Campionato del Mondo in Svizzera. A far compagnia al siciliano, la selezione della Trek-Segafredo che prenderà parte alla ‘Corsa Rosa’: da Giulio Ciccone a Gianluca Brambilla, dal trentino Nicola Conci ad Antonio Nibali, fratello di Vincenzo.

Lavori propedeutici alle gare a tappe ma non solo: a Passo San Pellegrino è possibile effettuare allenamenti anche in pianura, grazie ai numerosi tratti di falsopiano presenti in altitudine. Non è un caso che la Deceuninck-Quick-Step, compagine di riferimento nelle gare di un giorno, abbia scelto la Val di Fassa per preparare l’assalto alle classiche con i suoi capitani, Julian Alaphilippe, Bob Jungels e Zdenek Stybar, mentre l’astro nascente Remco Evenepoel proverà a misurarsi con le tre settimane del Giro d’Italia.

“Il training camp in Val di Fassa si è rivelato un grande successo – ha spiegato il Technical & Development Director del Team Deceuninck-Quick-Step Ricardo Scheidecker. – Ci siamo allenati bene, per noi è importante prepararci in quota in vista delle gare. I ragazzi erano felici e motivati”. Analisi confermata anche dal velocista di punta dello squadrone belga, Sam Bennett. “La Val di Fassa è un posto incredibile, con strade e scenari mozzafiato. Questo è un territorio che si presta molto ad attività di escursionismo. E’ stato un ‘training camp’ fantastico, mi sono potuto allenare in maniera produttiva”.

Qualche chilometro più a nord rispetto a Passo San Pellegrino, una selezione del Team Bahrain-McLaren si è preparata ai 2239 m. del Passo Pordoi. La compagine del Team Manager Rod Ellingworth ha affrontato le salite dolomitiche presenti al confine fra Trentino e Alto Adige: oltre al Pordoi, Passo Sella e Passo Gardena.


Hanno scelto, invece, il Tirolo Austriaco la Bora-hansgrohe di Peter Sagan, grande atteso al Giro d’Italia, il Team Sunweb e una selezione dell’ambizioso Team Jumbo-Visma.

Da metà giugno, Sagan e compagni si sono trasferiti a Sölden, nella Ötztal, uno dei polmoni verdi più affascinanti di tutta l’Austria. Anche in questo angolo di Tirolo, non mancano le grandi salite, come il ghiacciaio del Rettenbach o il Passo del Rombo.

Difficoltà altimetriche che hanno stimolato l’Everesting di Emanuel Buchmann, chiuso in 7 ore e 28 minuti, ma non valido come record della ‘challenge’.

“La nostra partnership con Ötztal sta generando ottimi risultati – ha detto il Team Manager della Bora-hansgrohe Ralph Denk. – Le condizioni di allenamento sono perfette sia in quota che a valle, con la possibilità di strutturare programmi su misura per tutti i nostri atleti”.


Kühtai e la Zillertal, mete di turismo invernale e paradisi dei ciclisti nella stagione estiva, sono invece le location scelte rispettivamente dal Team Sunweb di Sam Oomen e Michael Matthews, e dalla selezione del Team Jumbo-Visma capitanata dal Campione Olandese a cronometro Jos Van Emden.


Nel territorio euro-regionale, i team World Tour hanno trovato un banco di prova severo e veritiero. Il tratto distintivo del Tour of the Alps che attende il ritorno dei campioni ad aprile 2021. Dopotutto, la storia lo dimostra: partendo dall’Euregio si costruiscono grandi trionfi.

::Tour of the Alps - Comunicato Stampa::




Visualizza tutte le newsArchivio Cerca un termine nelle newsCerca Leggi le news più recentiPiù recenti   Versione stampabileStampa 
Notizia precedente
Eolo title sponsor di due gare RCS
Notizia successiva
Van Aert vince le Strade Bianche