Martedì 11 Maggio 2021 Home 
Trofeo Amatori - Le qualifiche di Imola [08-06-13 21:12 by staff GoNBike.com] 

All’autodromo “Ferrari” il secondo round dei non-professionisti
Imola, esaltante teatro per il Trofeo Italiano Amatori 2013
I più veloci sono Pilisi, Moncigoli, Guarracino, Luminari e Vacondio

Sole caldo e brillante alla mattina, cielo coperto e minaccioso – ma con temperatura ancora elevata – al pomeriggio. In queste condizioni climatiche si sono svolte all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola le prove di qualificazione del secondo round del Trofeo Italiano Amatori 2013.

Il campionato riservato ai non-professionisti ha fatto come sempre registrare una notevole presenza di piloti, avvicinandosi alle 200 unità. La monogomma Metzeler Racetec Interact ha svolto egregiamente il proprio compito, anche in condizioni di utilizzo esasperato come quelle richiesta da Imola, garantendo performance e affidabilità ai tutti i concorrenti.

I piloti che partiranno dalla pole position sono il venticinquenne comasco Denis Pilisi (Honda) nella classe 1000 Base, il trentenne reggiano Alessandro Moncigoli (Yamaha) nella 600 Avanzata, il trentatreenne pescarese Mario Guarracino (Honda) nella 1000 Avanzata, il trentaduenne varesino Giacomo Luminari (Honda) nella 600 Pro K Cup, il quarantunenne reggiano Yuri Vacondio (Honda) nella 1000 Pro K Cup.

Già nel primo round di Misano della 1000 Base il giovane debuttante Pilisi aveva dimostrato le proprie doti concludendo la gara al terzo posto, alle spalle degli imprendibili ducatisti Edoardo Finotti e Fabrizio Fiorucci. A Imola il comasco ha tirato fuori le unghie e, nonostante l’assoluta mancanza di esperienza in riva al Santerno, ha iscritto il proprio nome in cima al tabellone sia nel primo sia nel secondo turno di qualificazioni, stampando un definitivo 2’00”4. In prima fila, affianco al poleman, i due dominatori della gara d’apertura, il novarese Finotti e il pesarese Fiorucci, entrambi, però, nettamente distanziati.

Il reggiano Moncigoli ha bissato nella 600 Avanzata la pole position già conquistata a Misano grazie ad una fantastica seconda sessione in cui, fin dalle prime battute, ha infranto il muro dei due minuti; il giovane manager d’azienda ha migliorato di quasi due secondi la performance del turno mattutino in cui era stato rallentato dal traffico. Moncigoli ha così scalzato dalla prima posizione provvisoria il veronese Roberto Perlini (Yamaha), che ha progredito, avvicinandosi al limite dei 120 secondi pur risparmiando le gomme migliori per la gara. Ultima posizione in prima fila per il ligure Benedetto Noberasco (Ducati), in netto progresso rispetto a Misano e anche rispetto al primo turno, grazie ad una diversa scelta di traiettorie.

Seconda pole position consecutiva anche per l’abruzzese Guarracino nella 1000 Avanzata, entusiasta di Imola e orgoglioso della sua prestazione all’insegna di un costante e vistoso miglioramento nonostante l’assenza ai test offerti dal Moto Club Motolampeggio ai piloti del trofeo. Il vincitore del primo round di Misano ha inflitto oltre un secondo di distacco all’umbro Fabrizio Guercini (BMW), frenato prima dall’esposizione della bandiera rossa durante la seconda sessione e poi da piloti più lenti proprio quando aveva acceso i caschi rossi, e poco più all’altoatesino Tiziano Bertolini (Kawasaki) che completa la prima fila.

Luminari, 4° nel round d’apertura di Misano, ha espresso soddisfazione straripante per la prima pole position della sua carriera che ha ottenuto nel turno decisivo dell’affollatissima 600 Pro K Cup, con 1’58”0, migliorandosi di quasi un secondo rispetto a quello della mattina. Trentadue anni, pilota collaudatore degli elicotteri AgustaWestland, Giacomo nutre una speciale passione per Imola dove aveva già corso senza però raccogliere risultati particolari. In prima fila partiranno anche il romano Giuseppe Cannizzaro (Yamaha), tornato alle posizioni che gli si addicono, ed il diciottenne veronese Nicola Andolfatto (Kawasaki), rigenerato da una nuova gestione tecnica della moto, entrambi distanziati di meno di due decimi. Partirà con il sesto tempo il vincitore della prima prova e leader provvisorio del trofeo Paride Sereni (Yamaha), incappato in una scivolata nel secondo turno.

La seconda sessione della 1000 Pro K Cup non ha provocato sconquassi tanto che i primi quattro nomi della lista sono rimasti invariati. Pole position dunque per il quarantunenne reggiano Yuri Vacondio (Honda, 1’57”2) che, alla seconda gara della vita nella cilindrata più potente, ha dichiarato di trovarsi sempre più a proprio agio come dimostrano i costanti progressi fatti registrare nel fine settimana. Prima fila anche per i due padovani Fabiano Martello (BMW), che si è migliorato nel turno del pomeriggio, portandosi ad appena 37 millesimi da Vacondio, e Marco Sorgato (BMW), alle prese con una forma fisica non ottimale. Quarto crono per il leader del campionato Fabrizio Leoni (Honda), felice per il concittadino Vacondio ma rallentato da una messa a punto non ottimale.

Il programma della seconda prova del Trofeo Italiano Amatori prevede la partenza delle cinque gare ad iniziare dalle 15.30, con la classe 600 Pro K Cup; seguiranno 1000 Pro K Cup (ore 16.15), 1000 Avanzata (17.00), 1000 Base (17.45) e 600 Avanzata (18.30).

::Trofeo Italiano Amatori - Comunicato Stampa::




Visualizza tutte le newsArchivio Cerca un termine nelle newsCerca Leggi le news più recentiPiù recenti   Versione stampabileStampa 
Notizia precedente
Coppa Italia - Le qualifiche di Imola
Notizia successiva
Michelin Power Cup - Emozioni ad Imola